davidfranchi

This is my personal blog I post here my published articles

Tutto quello che non sapevate sul matrimonio di William e Kate

leave a comment »

Martedì 10 Maggio 2011 – David Franchi

Il matrimonio ha regalato alla stanca economia inglese un giro d’affari calcolato in 2 miliardi di sterline che avrà effetti anche nel futuro

Grosseto: E’ stato definito il matrimonio del secolo quello celebrato tra William e Kate, la coppia che in futuro assurgerà al trono nel Regno Unito.

La cerimonia si è svolta in modo regolare. Il matrimonio è stato celebrato nella antica Westminster Abbey. Un rigido protocollo è stato seguito per tutta la manifestazione. Numerosi gli ospiti del mondo dello spettacolo, dello sport e della politica. Invitati solo i reali regnanti nel loro paese, ma ci sono state polemiche per la presenza si alcuni dittatori.

La famiglia Middleton, pur di origini umili, è adesso molto ricca ed ha regalato alla figlia Kate un suntuoso abito da sposa firmato Alexander McQueen.

Grandissima la partecipazione popolare e moltissime le feste in Inghilterra. Non si sono registrate le temute proteste degli anarchici, pochi gli arresti.

Il matrimonio ha creato un bel giro d’affari per il paese in crisi economica.

 Il Principe William di Windsor e Miss Catherine “Kate” Middleton hanno finalmente coronato il loro sogno davanti ad un paese in festa e seguiti dai media di tutto il mondo. Nella sola Londra è stato contato circa un milione di persone nelle strade e numerose erano le feste in tutto il Regno Unito, compresa una colazione di matrimonio nella frazione di Chapel Row dove vive la famiglia Middleton e una celebrazione a Bucklebury Farm Park il paese natale della sposa. Anche le nazioni del Commowealth e persino gli USA hanno celebrato le nozze reali inglesi.

Tra gli ospiti di spicco invitati al matrimonio reale erano presenti David e Victoria Beckham, Sir Elton John con il partner David Furnish, Rowan “Mr. Bean” Atkinsons, il regista Guy Ritchie ex – marito di Madonna, la pop star Joss Stone, il fotografo peruviano Mario Testino amico di Lady Diana, la medaglia d’oro di nuoto Ian Thorpe e il campione di rugby Gareth Thomas. Tra i politici presenti Sir John Mayor ex- primo ministro inglese e tutore di William ed Harry dopo la morte della madre, il Primo Ministro David Cameron, il Vice Primo Ministro Nick Clegg, il Cancelliere George Osborne, il Sindaco di Londra Boris Johnson e il leader laburista Ed Miliband. Era assente Lady Margaret Thatcher per malattia. Tony Blair e Gordon Brown ufficialmente non sono stati invitati perché non hanno ricevuto l’Ordine delle Giarrettiera, ma il vero motivo non è chiaro.

Esclusi i capi di stato di discendenza non reale come il francese Nicolas Sarkozy, il Presidente degli USA Barack Obama, la tedesca Angela Merkel. Per l’Italia non è stato invitato il Primo Ministro Silvio Berlusconi, ma era presente il Marchese Vittorio Frescobaldi, noto anche per gli omonimi vini pregiati.

Fra i leader stranieri è intervenuta Julia Gillard il Primo Ministro dell’Australia la cui presenza ha riacceso il dibattito tra repubblicani e monarchici. L’Australia, infatti, come tutti i paesi del Commonwealth ha come capo di stato la Regina Elisabetta, ma una forte maggioranza della popolazione vuole passare alla repubblica.

Soprattutto ha lasciato senza parole la presenza nella lista dei capi di stato stranieri di almeno otto dittatori sanguinari: il re Mswati III (Swaziland) che ha studiato in Inghilterra; il principe Mohamed bin Nawaf (Arabia Saudita) che è stato ambasciatore a Londra; lo Sceicco Emiro Ahmad Hmoud Al-Sabah (Kuwait); la principessa consorte Lalla Salma (Marocco); Sayyid Haitham bin Tariq Al Said (Oman) ex- moglie del Sultano dell’Oman che ha anche fatto il militare nell’esercito inglese; lo Sceicco Emiro Hamad bin Khalifa Al Thani (Qatar); il Principe Mohammed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan (Abu Dhabi). Gli ultimi tre hanno tutti studiato all’Accademia Militare di Sandhurst nel Regno Unito.

Il Principe Salman bin Hamad bin Isa Al Khalifa (Bahrain) che ha studiato a Cambridge, anche lui invitato alle nozze, ha dovuto declinare l’invito, a causa delle violenze che stanno sconvolgendo il suo Paese.

Tutti costoro sono tiranni e alcuni stanno reprimendo con brutale violenza le proteste di migliaia di cittadini. La famiglia reale si è giustificata dichiarando che è prassi comune invitare per i matrimoni reali sovrani di altre monarchie regnanti. In effetti tra gli invitati c’erano anche re e regine di paesi democratici come Spagna, Norvegia, Belgio e Lussemburgo.

A fronte dello sfarzo nobiliare la famiglia Middleton sembra rimpicciolire. Numerosi i se e i ma che hanno accompagnato il fidanzamento di William con la “borghese” Kate. Non essendo di nobili origini Kate è stata subito ribattezzata la principessa “low cost” e critiche sono piovute soprattutto sulla madre. Ma la famiglia Middleton pur non avendo sangue blu nelle vene, e nonostante gli antenati minatori, di certo non è umile, ma anzi è molto ricca grazie all’azienda di famiglia e Kate è in realtà una milionaria.

Tanto che il vestito della sposa, un regalo dei genitori, è stato realizzato dalla Alexander McQueen, dello stilista morto suicida l’anno scorso. La designer Sarah Burton lo ha definito “l’esperienza delle sua vita”. L’abito è stato fatto a mano dalla Scuola Reale di Ricamo della Hampton Court Palace e misura 2,70 metri. I sarti addetti alla lavorazione del vestito si sono lavati le mani ogni 30 minuti per mantenere il tessuto senza macchie e gli aghi venivano cambiati ogni 3 ore affinché fossero sempre appuntiti e puliti. La tiara della sposa è firmata Cartier. Il Principe William ha indossato l’uniforme da Colonnello delle Guardie Irlandesi con lo stemma della Royal Air Force.

Mentre il sito della BBC è stato messo in ginocchio dal traffico, si è registrato un aumento vertiginoso nei consumi dell’energia elettrica a causa dell’eccessivo uso delle televisioni.

La partecipazione popolare è stata grande. Le strade erano gremite a tal punto che era praticamente impossibile passare. Gli accessi a “The Route” il percorso che gli sposi hanno seguito all’andata e al ritorno da Westminster Abbey sono stati chiusi molto presto a causa della troppa gente presente. Molte persone, infatti, si sono addirittura accampate il giorno prima ed hanno dormito in tende e sedie, alcuni anche avvolti nei cartoni, pur di poter vedere la coppia passare. E tuttavia si sono dovuti accontentare dei maxi- schermi per poter seguire il matrimonio nella sua totalità.

Già la mattina presto gli accessi erano chiusi e si veniva dirottati verso Hyde Park che ha visto circa 300.000 persone presenti una vera e propria discoteca all’aperto, con maxi -schermi e diretta BBC, concerto e presentatore. Numerosissime le feste organizzate circa 5.000 in tutta la Gran Bretagna, di cui 2.000 nella sola Londra, tutte di diversi tipi: dai party privati, ai pub, dai concerti alle feste alternative.

Le tanto annunciate proteste degli anarchici che da mesi turbano il sonno dei governativi non sono avvenute. Sono state arrestate 52 persone, ma molte sono le critiche piovute su Scotland Yard che ha operato arresti preventivi nei giorni precedenti il matrimonio utilizzando le leggi antiterrorismo. Circa 10 persone sono state arrestate durante una Right Royal Orgy a Soho. Altre 13 persone sono state arrestate a Charing Cross perché in possesso di equipaggiamento per scalare e manifesti contro la monarchia. Inoltre, 21 persone sono state arrestate il giorno prima del matrimonio a seguito di raid in 5 casa occupate a Londra. Tuttavia, l’imponente servizio di sicurezza composto da circa 5.000 poliziotti ha retto bene e non si sono verificati incidenti di rilievo. Il matrimonio ha regalato alla stanca economia inglese un giro d’affari calcolato in 2 miliardi di sterline che avrà effetti anche nel futuro. Un bel regalo di nozze.

Pubblicato per: www.maremmanews.it

Direct link: http://www.maremmanews.tv/it/index.php?option=com_content&view=article&id=11068:tutto-quello-che-non-sapevate-sul-matrimonio-di-william-e-kate&catid=39:cultura-a-spettacolo&Itemid=57

Advertisements

Written by davidfranchi

May 10, 2011 at 11:02 pm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: