davidfranchi

This is my personal blog I post here my published articles

Il Ladro e la Signora del Gruppo Escape in Art – The London Oratory School Arts Centre

leave a comment »

Ladri e Signore in teatro per beneficienza

di David Franchi

Buon successo di pubblico per “Il Ladro e la Signora” sul palco del The London Oratory School Arts Centre il 26, 27 e 28 Novembre.

Il testo è stato messo in scena dal Gruppo Escape in Art sotto la supervisione artistica di Pino Ferrara. Si tratta di una simpatica commedia teatrale in due atti di Paolo Cappelloni autore pesarese vivente.

Il ricavato delle vendite dei biglietti sarà interamente devoluto in beneficienza a favore del Reparto di Epatologia Infantile del King’s College Hospital, diretto dalla D.ssa Giorgina Vergani.

Una consuetudine a cui ormai da anni la Escape in Art ci ha abituato, come spiega Ferruccio, il Ladro (Luigi Gnudi) protagonista della spettacolo: “Ho già fatto 4 anni di questa esperienza con Escape in Art. Noi non siamo chiaramente degli attori, è teatro amatoriale. E’ sempre un’occasione di stare insieme ad altra gente, conoscere altre persone. Una bella esperienza. E poi la facciamo per beneficienza e quindi ancora meglio. Il ricavato va al reparto di Epatologia Infantile del King’s College. Lo facciamo ormai da anni. Una tradizione se vogliamo. Si fa anche più volentieri”.

Altra protagonista è Veronica, la Signora (Emilia Ippolito): “Nella commedia sono la Signora che è una commercialista, si chiama Veronica, è separata, vive da sola e fa conoscenza di questo ladro che irrompe nel suo appartamento. E poi fanno amicizia e nasce una storia d’amore. Che va a finire un po’ male, perché poi il ladro si scoccia e se ne va dalla finestra da dove è arrivato”.

La trama è ricca di situazioni divertenti, schermaglie verbali molto aderenti alla realtà, personaggi delineati in modo arguto. La commedia è brillante e ben congegnata, come spiega il regista Arnaldo Teodorani: “Ho iniziato come assistente alla regia, dando una mano a Pino Ferrara, e poi sono stato sempre più coinvolto. La commedia è divisa in due metà molto ben distinte: una prima parte in cui si racconta l’incontro tra questo ladro e la signora. Un incontro fortuito. Il ladro entra per rubare però è un ladro maldestro fa rumore. Lei lo sorprende minacciandolo con una pistola, ma sviene. Poi imparano a conoscersi e si innamorano. Nella seconda parte invece la Signora decide di presentare questo ladro a tutti i suoi amici durante una festa a casa sua. Entrano in scena qui gli altri personaggi. Durante il secondo atto, questa lunga scena della festa che è molto briosa, a poco a poco ci si rende conto che questo ladro, nonostante sia un criminale, moralmente è la persona migliore. Gli altri hanno tutti quanti delle manie, dei modi di fare molto irritanti e anche parecchi difetti”.

Nell’Atto II della commedia, infatti, emergono altri personaggi, come l’arredatore Adalberto (Vittorio Ciardo): “Adalberto è, come lo definisce uno degli altri personaggi, un “attaccatende”. In realtà la sua arte è andare a decorare le case, gli appartamenti di queste signore attaccando le tende. Un tipo eccentrico, molto molto eccentrico. Però è simpatico”.

Il più caratterizzato e, in fondo, l’elemento di rottura dei dialoghi è Antonio il Commissario (Daniele Cipollone): “Il personaggio è stato contraddistinto in modo forte. Abbiamo scelto di farlo con l’accento napoletano per caratterizzarlo un po’. E’ un personaggio abbastanza brusco, un po’ cafone, per dare un po’ di brio alla commedia”.

Sia Adalberto, sia Antonio, si confrontano molto con Federico (Ennio Bollici) bancario suscettibile: “Il mio personaggio in pratica non fa altro che litigare sia con il Commissario che con Adalberto. Faccio la parte di un direttore di banca che è fissato con il suo lavoro, ha in testa solo la sua banca, quindi qualsiasi cosa gli sia detta che riguarda i bilanci della sua banca e tutto il resto, lo fa scattare come una molla e reagire sia di fronte al Commissario che ad Adalberto”.

Il bancario è sposato con Loredana (Laura Marziale): “Interpreto Loredana che è la moglie del banchiere. Loredana è la donna un po’ svampita, sulle nuvole, sognatrice che non si rende conto di quanto il marito sia effettivamente un tipo un po’ grezzo e fissato. E quindi lei pensa all’amore, pensa alle cose leggere, pensa all’arredamento della sua mansarda . Quindi è un personaggio di contorno, ma è rappresentativo di un tipo di donna che esiste nella società”.

In effetti i ruoli femminili hanno poche azioni (protagonista a parte), ma sono ben delineati e descrivono delle tipologie di donna molto presenti nella società italiana. Come per esempio Isabella (Silvana Camilletti), moglie del Commissario, pittrice incompresa e oggetto continuo delle battutacce del marito: “Isabella la pittrice. Futurista. Nessuno la capisce. Ma tutti sono molto impressionati dai titoli altisonanti che scelgo per i miei quadri, le mie opere. Ma non ho un rapporto meraviglioso con mio marito, tutto apparenza. E quindi mi diletto con le mie amiche a cercare di vendere i miei quadri, ma anche ad aiutarle ad arredare le mansarde”.

Infine l’ultimo ruolo femminile è quello di Margherita (Stefania Uccheddu): “Sono l’amica impicciona di Veronica. L’amica intima che la conosce benissimo, che viene a scoprire che il ladro è entrato in casa e scopre tutti gli altarini. Che durante la festa cerca di coprire il fatto che sia un ladro. E il Commissario sembra che l’abbia sempre visto da qualche parte. Io ogni volta che lui cerca di dire ‘ma io ti ho visto da qualche parte’ cerco di bloccarlo. E quindi gli faccio la corte anche se non me ne importa niente”.

Ottimo anche il resto del gruppo che ha partecipato dietro alle quinte: scenografia, Marco Casparri; luci & musiche, Mauro Campana; trucco, Suki Miles; organizzazione generale, Alessandra Gnudi.

Il Gruppo Escape in Art opera a Londra dal 1998, fondato da alcuni amici che avevano voglia di impegnarsi nel campo artistico, sia pure a livello amatoriale, ma con spirito di volontariato. Il Gruppo é cresciuto ed è un riferimento per amanti del teatro e della letteratura in lingua Italiana.

Pino Ferrara è uno dei fondatori del Gruppo Escape in Art ed ha diretto tutte le commedie che il Gruppo ha presentato a Londra, prendendo parte anche ad alcune di esse come attore. Sua la supervisione artistica de “Il Ladro e La Signora”.

Due domande a Pino Ferrara.

D. Sei il deus ex- machina del teatro del Gruppo Escape in Art.

R. “Ho cominciato con Escape in Art una diecina di anni fa insieme ad altre persone. Eravamo in 5. Abbiamo cominciato, perché avevamo l’idea di fare qualcosa di artistico. Quindi abbiamo cominciato a fare dei recital di poesie. Poi abbiamo pensato al teatro. Abbiamo visto una commedia di Luigi Lunari che era intitolata “Tre sull’Altalena”. Ho trovato gli attori giusti, uno era il professore Totò Aloi che faceva un bel ruolo. E abbiamo cominciato 10 anni fa con quello. E poi il pubblico ha risposto e noi ci divertiamo. Il teatro posso dire ce l’ho nel sangue perché l’ho sempre fatto. Stavolta abbiamo questa commedia di Paolo Cappelloni. Noi facciamo solo teatro contemporaneo, possibilmente di scrittori e commediografi viventi. Poi abbiamo come Escape in Art anche attività letterarie. C’è un concorso di poesia che portiamo avanti ogni anno. C’è un concorso letterario per un racconto breve che prima era nato riservato solo per gli italiani di Londra, poi è diventato gli italiani in Inghilterra. Adesso è diventato internazionale, tant’è che il secondo premio di quest’anno è stato vinto addirittura da una ragazza di Sidney. Quindi, come vedi ci siamo: il premio va avanti”.

 D. Perché proporre teatro in italiano a Londra?

R. “Devi sempre tener presente che noi siamo dei dilettanti. E dobbiamo sempre rimanere dilettanti con i piedi per terra, senza montarsi la testa. Fare un autore inglese da dilettanti a Londra è un nonsenso. Uno che vuole vedere una commedia inglese, la va a vedere recitata da attori inglesi. Io ho visto questa nicchia che per il teatro italiano per la comunità italiana e ho pensato di sfruttarla. Ho pensato di presentare agli italiani qualcosa in italiano. Anche perché ho il pallino della difesa della lingua italiana. Ho fatto con alcuni college inglesi, dove si studia la lingua italiana, degli spettacoli con i ragazzi. Gli ho insegnato a recitare e poi con loro abbiamo messo in scena degli spettacoli. Per loro è risultato come un essay per gli esami e quindi si sono più affezionati alla lingua. Lo faccio anche per questo, insomma”.

Pubblicato per: www.italiannights.co.uk

Direct link: http://www.italiannights.co.uk/

Advertisements

Written by davidfranchi

November 6, 2010 at 8:48 pm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: